Home / Tanti tutorial di uncinetto per imparare nuove tecniche utili / Lavorare all’uncinetto senza catenelle iniziali
Lavorare all'uncinetto senza catenelle iniziali

Lavorare all’uncinetto senza catenelle iniziali

Iniziare una lavorazione all’uncinetto senza catenelle iniziali è una bella comodità che, fino a poco tempo fa, non credevo possibile. Scopriamo assieme come fare.

Mi sono avvicinata al mondo dell’uncinetto durante l’adolescenza quando, nella libreria dei miei genitori, ho trovato un volumetto antico che spiegava come fare i primi passi. Era chiamata “Enciclopedia dei lavori femminili” edita, pensate un po’, nel 1890 e data in dono a mia madre da sua suocera che, a sua volta, l’aveva avuta da un’anziana signora alla quale era tanto affezionata.

Questa estate sono riuscita ad averlo in eredità a mia volta e lo tengo come fosse un figlio. Di tanto in tanto ne leggo le pagine, giusto per il piacere di farlo. L’italiano con cui è stato scritto è meraviglioso, vengono usati tanti termini di cui oggi, ormai, si è persa traccia e, oltre a questo, sono spiegati tanti piccoli trucchetti che i libri di oggi non ti possono insegnare più.

Il tutorial di oggi l’ho estrapolato proprio da questo libricino. È un trucchetto che torna molto utile e, sebbene alcune di voi lo conoscessero già, sono certa che tornerà utile a molte uncinettatrici dilettanti, come me 😉

Quali sono i vantaggi di lavorare all’uncinetto senza catenelle iniziali?

– Non dover fare le catenelle iniziali significa, ovviamente, risparmiare qualche minuto di lavoro dato che catenelle e maglie iniziali vengono lavorate nello stesso momento.

– Non serve più fare il campione per capire quante catenelle servono per ottenere una certa lunghezza di maglie.

– Lavorare le maglie alte o le maglie basse nelle catenelle iniziali è noioso e richiede attenzione e manualità, tutte cose che ora non servono più 😉

– Si può lavorare direttamente sul modello, aggiungendo tanti punti quanti ne servono senza bisogno di fare le prove preventive.

Il tipo di punto che dobbiamo realizzare, nel libricino di cui vi ho parlato, è chiamato “Maglia alta per catena“, ecco come lo spiega:

Per fare più rapidamente la base larga di un lavoro, si possono eseguire delle maglie alte nel modo seguente:

4 maglie volanti, gettare due volte il filo, passare l’uncinetto per la prima delle 4 maglie volanti, gettare 1 volta il filo, passare il filo per la maglia, *gettare 1 volta il filo, passare il filo per i due fili seguenti e ripetere due volte a partire da * = **gettare due volte il filo, passare l’uncinetto per la parte inferiore sinistra della maglia alta, terminare la maglia alta come precedentemente e ripetere da **

Tutto chiaro, no? Beh, se avete ancora qualche dubbio (e chi non ne avrebbe???), ho preparato per voi un piccolo tutorial fotografico che di certo vi spiegherà meglio come fare 😉

Lavorare all'uncinetto senza catenelle iniziali

È un tipo di lavorazione che si può eseguire con la maggior parte degli altri punti base. Se lavorate a punto basso, ad esempio, iniziate con sole 3 catenelle invece di 4 e gettate il filo sull’uncinetto 1 sola volta.
Ed ecco il video che vi spiega dal vivo come fare:

About Carla Medda

56 commenti

  1. Vero? Ci ho messo un po' a capire di cosa si trattasse, dato che sul libricino non ci sono le figure, ma quando l'ho capito ne ero entusiasta 🙂

  2. e poi il tutorial fotografico è chiarissimo 🙂

  3. e poi il tutorial fotografico è chiarissimo 🙂

  4. Rosalba Di Paola Questa cosa mi fa davvero molto piacere! Ero indecisa se farci anche un video per spiegare meglio il procedimento, ma se mi confermi che è già abbastanza chiaro così mi risparmio un po' di tempo 😛

  5. me l'avevo insegnato mia mamma ma non lo ricordavo piu' Grazie

  6. me l'avevo insegnato mia mamma ma non lo ricordavo piu' Grazie

  7. Vero che la differenza non si vede proprio? 🙂

  8. Vero che la differenza non si vede proprio? 🙂

  9. Però il tempo non si risparmia….se ne va gettando il filo due volte!

  10. Però il tempo non si risparmia….se ne va gettando il filo due volte!

  11. Giovanni il tempo si risparmia eccome invece. Non c'è più bisogno di fare il campione, ad esempio per fare la base di maglie e altri capi che vanno a taglie, e si può lavorare direttamente sulla misura che serve. In più lavorare le maglie sulle catenelle è fastidioso e spesso si affaticano gli occhi. Gettare il filo due volte non è poi una gran differenza rispetto a farlo una volta sola. Comunque logicamente ciascuno lavora come più gli viene comodo, però è bello sapere che ci sono delle alternative 🙂

  12. Giovanni il tempo si risparmia eccome invece. Non c'è più bisogno di fare il campione, ad esempio per fare la base di maglie e altri capi che vanno a taglie, e si può lavorare direttamente sulla misura che serve. In più lavorare le maglie sulle catenelle è fastidioso e spesso si affaticano gli occhi. Gettare il filo due volte non è poi una gran differenza rispetto a farlo una volta sola. Comunque logicamente ciascuno lavora come più gli viene comodo, però è bello sapere che ci sono delle alternative 🙂

  13. non lo sapevi fare Rosalba Di Paola?

  14. non lo sapevi fare Rosalba Di Paola?

  15. no, non conoscevo questo trucchetto! 😉
    La Torre di Cotone non c'è bisogno del video tutorial, le foto sono chiarissime 😉

  16. no, non conoscevo questo trucchetto! 😉
    La Torre di Cotone non c'è bisogno del video tutorial, le foto sono chiarissime 😉

  17. Dellarovere vuoi dire che lavorare il primo giro sulle catenelle è più veloce che gettere due volte il filo sull'uncinetto? Ma va che a me i conti non tornano quasi mai! Ma si sa, tu sei un maestro 😉

  18. Dellarovere vuoi dire che lavorare il primo giro sulle catenelle è più veloce che gettere due volte il filo sull'uncinetto? Ma va che a me i conti non tornano quasi mai! Ma si sa, tu sei un maestro 😉

  19. Ma che maestro d'Egitto! E' per così dire,una applicazione della tecnica dell'aumento di quadrati "pieni" alla fine di un giro….ovvero col punto doppio….Comunque è sempre bene avere delle alternative…si cammina si cresce si impara! 🙂

  20. Ma che maestro d'Egitto! E' per così dire,una applicazione della tecnica dell'aumento di quadrati "pieni" alla fine di un giro….ovvero col punto doppio….Comunque è sempre bene avere delle alternative…si cammina si cresce si impara! 🙂

  21. Liliana Stefi

    ne son veramente entusiasta di questa nuova conoscenza, grazie Liliana

  22. Faccio i complimenti a La Torre di Cotone per la chiarezza delle spiegazioni sul suo blog

  23. Faccio i complimenti a La Torre di Cotone per la chiarezza delle spiegazioni sul suo blog

  24. Ma certo che mi fa piacere! Grazie Stefania! <3

  25. Ma certo che mi fa piacere! Grazie Stefania! <3

  26. Nonostante io sapessi già di questo punto ,voglio complimentarmi con te per le foto e le spiegazioni ! Brava a me il tuo Blog piace molto 😉

  27. Nonostante io sapessi già di questo punto ,voglio complimentarmi con te per le foto e le spiegazioni ! Brava a me il tuo Blog piace molto 😉

  28. Molto brava, già mio marito mi ha chiesto di fargli un poncho per questo autunno, lui li trova comodi ed in effetti ha ragione!

  29. Molto brava, già mio marito mi ha chiesto di fargli un poncho per questo autunno, lui li trova comodi ed in effetti ha ragione!

  30. Wow mi hai aperto un mondo, non avevo proprio idea si potesse iniziare un lavoro senza catenelle *.*
    Grazie mille per il tutorial e complimenti per il tuo blog, mi piace davvero molto e ritornerò sicuramente a visitarlo 🙂
    A presto

  31. Salve, questo è bellissimo… io l' avevo fatto parecchie volte, si assomiglia al punto tunisino….. Provate a cercare sul web: punto tunisino, io non riesco a postarlo…è bellissimo!!

  32. Salve, questo è bellissimo… io l' avevo fatto parecchie volte, si assomiglia al punto tunisino….. Provate a cercare sul web: punto tunisino, io non riesco a postarlo…è bellissimo!!

  33. favoloso! E' tanto noioso lavorare il primo giro sulle catenelle.Così è molto più pratico

Lascia un commento