Home / Tante idee per il fai da te, bricolage, decorazioni per la casa... / Cancellino fai da te – Il mio saluto alla scuola materna
Cancellino fai da te - Il mio saluto alla scuola materna

Cancellino fai da te – Il mio saluto alla scuola materna

Cancellino fai da te - Il mio saluto alla scuola materna

Se ve lo state chiedendo sì, questo è un piccolo tutorial per realizzare un cancellino fai da te per la lavagna. In realtà però è anche qualcos’altro, un saluto alla scuola materna sicuramente. Un modo per lasciare ai bimbi che arriveranno dopo un ricordo di mia figlia e, chissà, magari lo userà anche la mia secondogenita!

Come avrete capito, proprio in questi giorni io e mio marito abbiamo fatto l’iscrizione alle scuole elementari per Ginevra. La mia piccolina ha compiuto i 5 anni ormai e mi sembra davvero ieri che me la poggiavano sul petto per la prima volta, ancora con il cordone ombelicale attaccato.

Mi sembra ieri che mi guardava con un misto di stupore e paura quando invece, nel letto d’ospedale, tenevo in braccio Elena, la più piccola. Ed io che ricambiavo il suo sguardo, cercando di farle coraggio e di farle capire che tra me e lei non era cambiato nulla. Che anche lei era ancora la mia piccolina. Che pur dovendo dividere il mio affetto tra loro due, ce ne sarebbe stato in abbondanza per tutti quanti.

E lei si è adattata al cambiamento, ha accettato sua sorella pur sentendosi meno importante rispetto a prima, meno esclusiva. Per sua sorella la competizione è più istintiva, lei è nata sorella non ci è diventata a metà strada, e per lei una coccola in più alla sorella più grande è un affronto piuttosto che una delusione, come lo è per Ginevra.

Ginevra è tanto sensibile, è dolce e giudiziosa. Ed io ho sempre cercato di fare tutto il possibile (o almeno ci ho provato) per dimostrarle quanto sia fiera di lei, quanto non ci siano differenze tra lei e la sorella. Ed in effetti non ho davvero preferenze, ma da quando è nata la piccola non faccio altro che cercare di dimostrare a lei e a me che è proprio così. In alcuni casi ho dei comportamenti quasi maniacali, sapete cosa faccio?

– Al mattino se una busta di latte è quasi terminata, ne metto un po’ all’una ed un po’ all’altra per non sentirmi in colpa di aver dato del latte “vecchio” solo ad una delle due.

– Il cacao nel latte lo metto un cucchiaino ad una, uno all’altra, poi di nuovo uno alla prima ed uno alla seconda e mescolo le tazze con due cucchiaini contemporaneamente.

– Faccio loro la doccia assieme gettando l’acqua un po’ a Ginevra ed un po’ ad Elena così che non possano dire che una è stata sotto l’acqua più tempo dell’altra.

– I giochini li compro uguali e dello stesso colore perché altrimenti puntualmente vogliono scambiarseli di continuo ritenendo quello che ha in mano l’altra sempre il migliore.

– … e via di seguito.

Insomma, lo so che a volte sono comportamenti esagerati e che potrei semplicemente rilassarmi e dare a ciascuna di loro quanto è realmente necessario, ma ho paura di non esserne capace e darmi delle regole è un po’ il mio modo di potermi guardare allo specchio e affermare con certezza che non ho una figlia preferita. Se ve lo state chiedendo no, non ho vissuto un’infanzia difficile da quel punto di vista, non che me ne sia resa conto almeno. Sono stata figlia unica fino ai 13 anni e quando mio fratello è nato ero già in piena adolescenza con relativa necessità di autonomia rispetto ai genitori.

Eppure ho vissuto l’ansia di altri primogeniti che, invece, hanno sentito eccome il distacco dai genitori dopo l’arrivo del secondo. Probabilmente, a dispetto dell’impegno che può metterci un genitore, è una condizione che si subisce istintivamente e c’è davvero poco da fare al riguardo. Non lo so. Ma preferisco comunque impegnarmi affinché questo disagio non diventi un vero e proprio problema sociale, per quanto mi è possibile.

Ad ogni modo, pur facendo di tutto perché le mie piccole restino piccole per me allo stesso modo, è inevitabile che crescano e facciano delle esperienze diverse.

A Settembre Ginevra andrà alle elementari. Ancora non posso crederci. Di tanto in tanto torna a casa dalla scuola materna lamentandosi “Mamma oggi ho giocato poco perché le maestre mi hanno fatto fare tanti lavori…”. Sarà pronta per il salto? Da bimba diventerà una ragazzina, al solo pensiero mi viene un nodo in gola.

Nei giorni scorsi le maestre della materna mi hanno chiesto di portare in classe una spugna da cucina da utilizzare come cancellino per la lavagna, dato che la scuola non può provvedere. Non può provvedere neanche all’acquisto della carta igienica, del sapone. Non ha i soldi per comprare materiale didattico né per fare i lavori di ristrutturazione. Ed io, da genitore, cerco di fare tutto il possibile per aiutare la classe. Perché in quella classe c’è mia figlia ed io voglio che non le manchi assolutamente niente. Compreso un cancellino colorato e bellissimo, fatto da me e lei assieme, che possa usare con fierezza quando dovrà correggere i suoi stessi errori alla lavagna. E sarà anche un modo per passare il testimone alla classe che arriverà dopo la sua e, chissà, magari il prossimo anno lo userà anche sua sorella!

cancellino-fai-da-te-3

Abbiamo ritagliato dei pezzi di feltro colorato della larghezza di circa 2cm.

cancellino-fai-da-te-4

Li abbiamo arrotolati aggiungendo un punto di colla a caldo tra uno strato e l’altro. Sembrava una caramella!

cancellino-fai-da-te-2

Alla fine abbiamo fatto un buchino nell’ultima striscia e ci abbiamo legato un cordoncino in lana, da legare alla lavagna affinché non si perda.

Lei è stata fierissima di mostrarlo alla maestra, al posto della spugna da cucina che ci avevano chiesto. Ed io ero così fiera di lei che provava tanto entusiasmo per una cosa così piccola. Ed è una sensazione meravigliosa.

About Carla Medda

10 commenti

  1. Ti capisco anch’io ho il piccolino che a settembre andrà alle elementari e un pò di pensiero ce l’ho….. ma poi passa (l’altro figlio ha 14 anni) basta fargli vivere questo cambiamento come una nuova avventura, nuovi amici, si imparano tante cose nuove, ecc. Secondo me è più traumatico per noi che per loro piccolini ……
    Un bacio Barbara
    P.S. Sei bravissima (Ma lo sai che la mattina faccio anch’io come te col latte?)

    • Ahahahah! Evidentemente sono manie un po’ di tutte le mamme 😉 Sì, sicuramente è più un problema mio. È stato così anche per il primo giorno alle materne e alle elementari si ripeterà l’angoscia 😀

  2. Tu oltre ad essere un'artista sei una mamma specialissima……..quella del latte mi ha incantato tvtttttb

  3. Pensa che io mi sento una scema ogni volta che lo faccio, perché so benissimo che un latte aperto da un giorno è comunque buonissimo. Ma non voglio sentirmi lo scrupolo poi… 😀 <3

  4. Che nostalgia e che bei ricordi , se ritorno con la mente ai miei figli a quell'età. Pensa che ora mi ritrovo dall'altra sponda… il prossimo anno, ricomincerò con i piccoletti di prima, proprio come la tua cucciola! Lasciale vivere questi momenti con tanta spensieratezza e gioia dell'attesa e vedrai che tutto il percorso sarà una piacevole "passeggiata".

  5. P.S. Allegrissimo questo cancellino, sarebbe capace di cancellare qualsiasi "orrore" (come dico ai miei). Mica te ne avanza uno? ahahahaha

  6. Ahahahah! No, ma se vuoi ho tanto feltro avanzato che uno in più ci scappa di certo 😛

  7. Anche a me capita di fare cosi con il cibo… io ho i figli adolescenti e lo faccio ancora!!!

  8. Anche io sto affrontando il difficile momento dell'arrivo del secondogenito. Quando Sofia (2 anni e mezzo) mi dice "mamma metti giù Pietro e prendi in braccio me", mi viene un nodo alla gola. Come faccio a spiegarle che il fratellino ha solo 10 mesi? Allora lo metto giù anche se piagnucola e prendo in braccio LEI! Complimenti per questo post e per il tuo blog, fai del
    le cose meravigliose! 🙂

  9. Che bella idea! Devo curiosare in che stato è il cancellino della maestra di mio figlio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *